I PERCORSI DI STUDIO DELL’ISTITUTO DIURNO

In virtù del DPR n. 88/2010 di Riforma dell’Istruzione Tecnica secondaria di secondo grado, degli undici indirizzi del Settore Tecnologico previsti dalla nuova normativa, presso il nostro Istituto sono stati autorizzati i seguenti percorsi:

 

INDIRIZZI

ARTICOLAZIONI

Costruzioni, Ambiente e Territorio

Costruzioni, Ambiente e Territorio

Informatica e Telecomunicazioni

Telecomunicazioni

Informatica

Elettronica ed Elettrotecnica

Elettrotecnica

Elettronica

Meccanica, Meccatronica ed Energia

Meccanica e Meccatronica

Energia

 

L'Istituto Tecnico articola in

  •         PRIMO BIENNIO: di orientamento per gli anni successivi, rispettivamente  con 33 e 32 ore settimanali.

L'iscrizione alla classe prima comporta già la scelta dell’indirizzo di studio, che in ogni caso si può cambiare.

In seconda, nei vari indirizzi, si differenzia il contenuto della disciplina “Scienze e Tecnologie Applicate” di 3 ore settimanali;

  •         SECONDO BIENNIO: di indirizzo, con 32 ore settimanali;
  •         QUINTO ANNO: di specializzazione e professionalizzazione, con 32 ore settimanali.

 

PRIMO BIEN

NIO

 

DISCIPLINE

I ANNO

II ANNO

Lingua e letteratura italiana

4

4

Storia

2

2

Lingua inglese

3

3

Matematica

4

4

Diritto ed economia

2

2

Geografia generale ed economica

1

-

Scienze integrate (Scienze della Terra e Biologia)

2

2

Scienze integrate (Fisica)

3

3

Scienze integrate (Chimica)

3

3

Tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica

3

3

Tecnologie informatiche

3

-

Scienze e tecnologie applicate

-

3

Scienze motorie e sportive

2

2

Religione Cattolica o attività alternative

1

1

Totale ore

33

32

 

 

GLI INDIRIZZI

COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO

 

INDIRIZZO COSTRUZIONI, AMBIENTE E TERRITORIO

DISCIPLINE

III ANNO

IV ANNO

V ANNO

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

Storia

2

2

2

Lingua inglese

3

3

3

Matematica

3

3

3

Complementi di matematica

1

1

-

Gestione del cantiere e sicurezza dell’ambiente di lavoro

2

2

2

Progettazione, Costruzioni e Impianti

7

6

7

Geopedologia, Economia ed Estimo

3

4

4

Topografia

4

4

4

Scienze motorie e sportive

2

2

2

Religione Cattolica o attività alternative

1

1

1

Totale ore

32

32

32

 

Il Perito in “Costruzioni, Ambiente e Territorio” integra competenze nel campo dei materiali, delle macchine e dei dispositivi utilizzati nelle industrie delle costruzioni, nell’impiego degli strumenti per il rilievo, nell’uso degli strumenti informatici per la rappresentazione grafica e per il calcolo, nella valutazione tecnica ed economica dei beni privati e pubblici e nell’utilizzo ottimale delle risorse ambientali. Approfondisce competenze grafiche e progettuali in campo edilizio, nell’organizzazione del cantiere, nella gestione degli impianti e nel rilievo topografico.

Nel triennio di specializzazione le principali tecniche vengono affrontate sia nella teoria che nella pratica, educando l’allievo a quelle capacità di analisi e di sintesi applicative che sono prerogativa del tecnico intermedio qualificato.

 

Il percorso di studi è arricchito dalla presenza nell'Istituto del Laboratorio di tecnologia edile, riconosciuto dal Ministero dei Lavori Pubblici come Laboratorio ufficiale di prova dei materiali da costruzione.

 

 

 

INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI
ARTICOLAZIONE “INFORMATICA”

INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI

Articolazione INFORMATICA

DISCIPLINE

III ANNO

IV ANNO

V ANNO

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

Storia

2

2

2

Lingua inglese

3

3

3

Matematica

3

3

3

Complementi di matematica

1

1

-

Informatica

6

6

6

Telecomunicazioni

3

3

-

Sistemi e reti

4

4

4

Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni

3

3

4

Gestione progetto, organizzazione d’impresa

-

-

3

Scienze motorie e sportive

2

2

2

Religione Cattolica o attività alternative

1

1

1

Totale ore

32

32

32

 

Nell’articolazione “Informatica” si acquisiscono competenze che caratterizzano il profilo professionale in relazione ai processi, ai prodotti, ai servizi con particolare riferimento agli aspetti innovativi e alla ricerca applicata, per la realizzazione di soluzioni informatiche a sostegno delle aziende che operano in un mercato interno e internazionale sempre più competitivo.

Il profilo professionale dell’articolazione consente l’inserimento nei processi aziendali, in precisi ruoli funzionali coerenti con gli obiettivi dell’impresa.

 

ARTICOLAZIONE “TELECOMUNICAZIONI”

INDIRIZZO INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI

Articolazione TELECOMUNICAZIONI

DISCIPLINE

III ANNO

IV ANNO

V ANNO

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

Storia

2

2

2

Lingua inglese

3

3

3

Matematica

3

3

3

Complementi di matematica

1

1

-

Informatica

3

3

-

Telecomunicazioni

6

6

6

Sistemi e reti

4

4

4

Tecnologie e progettazione di sistemi informatici e di telecomunicazioni

3

3

4

Gestione progetto, organizzazione d’impresa

-

-

3

Scienze motorie e sportive

2

2

2

Religione Cattolica o attività alternative

1

1

1

Totale ore

32

32

32

 

Nell’articolazione “Telecomunicazioni” si acquisiscono competenze che caratterizzano il profilo professionale in relazione alle infrastrutture di comunicazione e ai processi per realizzarle, con particolare riferimento agli aspetti innovativi e alla ricerca applicata.

Il profilo professionale dell’articolazione permette un efficace inserimento in una pluralità di contesti aziendali, con possibilità di approfondire maggiormente le competenze correlate alle caratteristiche delle diverse realtà territoriali.

 

 

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

 

INDIRIZZO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

ARTICOLAZIONI ELETTRONICA ed ELETTROTECNICA

DISCIPLINE

III ANNO

IV ANNO

V ANNO

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

Storia

2

2

2

Lingua inglese

3

3

3

Matematica

3

3

3

Complementi di matematica

1

1

-

Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici

5

5

6

Elettrotecnica ed Elettronica

7

6

6

Sistemi automatici

4

5

5

Scienze motorie e sportive

2

2

2

Religione Cattolica o attività alternative

1

1

1

Totale ore

32

32

32

 

L’articolazione “Elettronica ed Elettrotecnica” integra competenze scientifiche e tecnologiche nel campo dei materiali, della progettazione, costruzione e collaudo, nei contesti produttivi di interesse, relativamente ai sistemi elettrici ed elettronici, agli impianti elettrici e ai sistemi di automazione.

 

ARTICOLAZIONE “ELETTRONICA”

Con riferimento a specifici settori di impiego e nel rispetto delle relative normative tecniche, nell’articolazione “Elettronica” viene approfondita la progettazione, realizzazione e gestione di sistemi e circuiti elettronici. In particolare questo percorso di studi è stato curvato in ottica biomedicale. Ciò significa che parte dei contenuti di studio delle materie tecniche del secondo biennio e del quinto anno, danno rilievo a temi relativi alle applicazioni nel settore biomedicale. (Si veda al proposito, oltre alle Programmazioni per competenze dei singoli docenti, anche l’azione progettuale “Basi di fisiologia dei sistemi biologici ed elettrofisiologia”, inserito nell’apposita sezione di questo documento).

 

 

ARTICOLAZIONE “ELETTROTECNICA”

In particolare, l’articolazione “Elettrotecnica” approfondisce la progettazione, la realizzazione e la gestione di sistemi e impianti elettrici, civili e industriali nel campo dei sistemi per la generazione, conversione, trasporto e distribuzione dell’energia elettrica, nell’organizzazione dei servizi e nell’esercizio di sistemi elettrici complessi.

Nell'ambito dei dispositivi viene approfondita la progettazione, la costruzione, il collaudo e il controllo delle macchine elettriche. Nelle molte ore di laboratorio specifico, previsto per tutte le discipline tecniche, fra gli altri strumenti, si utilizzano software dedicati per la progettazione di impianti e la programmazione di controllori e microprocessori per l'automazione.

 

 

 

MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA
ARTICOLAZIONE “MECCANICA E MECCATRONICA”

INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

Articolazione MECCANICA E MECCATRONICA

DISCIPLINE

III ANNO

IV ANNO

V ANNO

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

Storia

2

2

2

Lingua inglese

3

3

3

Matematica

3

3

3

Complementi di matematica

1

1

-

Meccanica, macchine ed energia

4

4

4

Sistemi e automazione

4

3

3

Tecnologie meccaniche di processo e prodotto

5

5

5

Disegno, progettazione e organizzazione industriale

3

4

5

Scienze motorie e sportive

2

2

2

Religione Cattolica o attività alternative

1

1

1

Totale ore

32

32

32

 

L’articolazione “Meccanica e Meccatronica” approfondisce, nei diversi contesti produttivi, le tematiche generali connesse alla progettazione, realizzazione e gestione di apparati e sistemi e alla relativa organizzazione del lavoro.

 

ARTICOLAZIONE “ENERGIA”

INDIRIZZO MECCANICA, MECCATRONICA ED ENERGIA

Articolazione ENERGIA

DISCIPLINE

III ANNO

IV ANNO

V ANNO

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

Storia

2

2

2

Lingua inglese

3

3

3

Matematica

3

3

3

Complementi di matematica

1

1

-

Meccanica, macchine ed energia

4

4

4

Sistemi e automazione

4

4

4

Tecnologie meccaniche di processo e prodotto

4

2

2

Impianti energetici, disegno e progettazione

3

5

6

Scienze motorie e sportive

2

2

2

Religione Cattolica o attività alternative

1

1

1

Totale ore

32

32

32

 

L’articolazione “Energia” approfondisce specifiche problematiche collegate alla conversione e utilizzazione dell’energia, ai relativi sistemi tecnici di controllo e alle normative per la sicurezza e la tutela dell’ambiente.

È stata introdotta l’Elettronica come disciplina propedeutica all’automazione, con cui si affronta lo studio e la programmazione del PLC (Controllore a logiche programmabili) e dei robot. Accanto a questa, un’altra disciplina innovativa: Disegno, progettazione ed organizzazione industriale, nella quale si migliora la conoscenza del C.A.D. (Computer Aided Design).

Il corso di studi è arricchito dalla presenza del Laboratorio di Tecnologia meccanica è riconosciuto dal Ministero dei Lavori Pubblici come laboratorio ufficiale di prova dei materiali.

 

 

I PERCORSI DI STUDIO DELL’ISTITUTO SERALE

I corsi serali offrono ai lavoratori l’opportunità di accedere ad un titolo di studio di Scuola secondaria di secondo grado che garantisce una professionalità specifica, venendo incontro anche a un’esigenza di riqualificazione personale in una società complessa e velocissima nelle sue trasformazioni. Essi si propongono altresì come elemento di educazione permanente e di completamento della formazione generale, nonché di acquisizione, da parte dell’adulto, di una maggiore dignità culturale.

Detti corsi sono strutturati sulla base delle indicazioni contenute nelle Linee Guida per l’Istruzione degli Adulti (D.P.R. 263/2012).

I due percorsi autorizzati di “Meccanica, Meccatronica ed Energia”, articolazione di “Energia” e quello di “Elettronica ed Elettrotecnica”, articolazione di “Elettrotecnica” saranno attivati a partire dall’anno scolastico 2016/17 solo nell’ipotesi del raggiungimento del numero minimo di iscrizioni.

Al fine di organizzare nel modo più attento possibile l’accompagnamento degli studenti nel percorso di studi viene prevista, compatibilmente con l’assegnazione dell’organico del potenziamento da parte degli Uffici competenti, un docente che svolga attività di tutoraggio per gli studenti quale facilitatore didattico.

 

 

PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DEI DOCENTI

I docenti predispongono la propria Programmazione annuale per competenze a partire da quanto condiviso con i colleghi in sede di Dipartimento prima e di Riunioni per Materia e di Consiglio di Classe poi.

Nelle riunioni di Dipartimento, i docenti hanno già provveduto a declinare collegialmente le conoscenze e le abilità da perseguire in ogni anno scolastico per ogni disciplina, approfondendo in tal senso quanto suggerito dalle Linee Guida per gli Istituti Tecnici del Settore Tecnologico (Direttive n. 57/2010 e n. 4/2012) (Allegato n. 1). In una logica di miglioramento continuo, a seguito di un'attenta azione di verifica, quanto già definito dai Dipartimenti può essere comunque oggetto di revisione parziale.

All'inizio di ogni anno scolastico, ogni docente, valutate le caratteristiche di apprendimento degli studenti e del gruppo classe, dopo averne presentato e discusso le linee generali all’interno del Consiglio di Classe, predispone la propria Programmazione per competenze definendo nel dettaglio i seguenti aspetti dell’attività didattica:

  •         Analisi della situazione di partenza che contenga:

-        un profilo generale della classe;

-        l’indicazione degli strumenti utilizzati per determinare tale profilo;Quadro degli obiettivi di competenza che contenga:

-        l’indicazione delle competenze disciplinari generali;

-        l’indicazione dell'articolazione di tali competenze generali in conoscenze ed abilità.

Tali obiettivi saranno definiti in modo tale da favorire il consolidamento delle “Competenze chiave di cittadinanza” (primo biennio) e delle “Competenze chiave per l’apprendimento permanente” (secondo biennio e quinto anno), oggetto della Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio del 18 dicembre 2006 relativa a competenze chiave per l'apprendimento permanente (2006/962/CE);

  •         Organizzazione delle conoscenze divise in sequenze di apprendimento o in moduli ed unità didattiche, con l’indicazione dei tempi di attuazione;
  •         Unità di apprendimento, qualora decise dal Consiglio di Classe, in cui siano specificati l’argomento, le competenze e le discipline coinvolte;
  •         Attività svolte dagli studenti;
  •         Metodologie e situazioni formative;
  •         Strumenti di lavoro adottati;
  •         Modalità di valutazione, di recupero ed eventuali attività per la valorizzazione delle eccellenze.

Le Programmazioni per competenze delle discipline che prevedono ore di lezione dell’insegnante tecnico pratico, in compresenza con il docente laureato, dovranno essere concordati e predisposti in un’unica soluzione, sottoscritti da entrambi i docenti interessati, che avranno cura particolare nel definire le modalità di realizzazione delle compresenze. Il tempo di compresenza va infatti inteso come un’importante opportunità didattica che favorisce l’integrazione tra la parte teorica e quella pratica della stessa disciplina e permette, grazie ad una didattica laboratoriale, in un rapporto maggiormente individualizzato con gli studenti, il pieno chiarimento dei contenuti chiamati in causa, il recupero di eventuali lacune pregresse, il raggiungimento di competenze specifiche rapportate alle caratteristiche di apprendimento e alle esperienze personali di ogni studente. A tal fine i docenti opereranno in logica di fattiva collaborazione didattica che presuppone un’attenta programmazione condivisa.


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.